Educazione

Sempre più spesso si va sottolineando l'importanza della scuola come momento privilegiato in cui si può fare prevenzione dei disagi e dei gravi rischi connessi all'adolescenza, data la possibilità di raggiungere quasi tutti gli studenti che vi trascorrono in media trenta ore la settimana

In proposito  la ricerca ha evidenziato l'opportunità di lavorare con i ragazzi in modo creativo cercando di accrescere le loro competenze e di aumentarne il benessere.  Si è inoltre sottolineata l'enorme potenzialità connessa alla possibilità di incontro e di comunicazione  degli adulti con il "gruppo dei pari" che tanto può sui processi decisionali e sugli orientamenti etici degli adolescenti.

E' evidente  l'importanza della preparazione e della formazione degli adulti, ed in particolare degli insegnanti, che sono chiamati ad interagire in modo educativo ed efficace con i giovani, promuovendo uno scambio di esperienze e sfruttando al meglio le potenzialità creative del gruppo e  le competenze naturali dei ragazzi.

Va sottolineata, inoltre,  l'importanza – nel contesto del lavoro con gli adolescenti – dello sviluppo della competenza cognitiva della comprensione del punto di vista degli altri e delle ricadute (anche in termini di possibile conseguenze negative) che i  comportamenti possono avere su chi ci circonda.

Le proposte educative di ARES, dunque,  si possono articolare  nella redazione di progetti  di mediazione all'interno della scuola, in corsi di  formazione agli insegnanti ed in interventi tematici nelle scuole.

  • Mediazione scolastica: volta ad insegnare agli studenti come gestire i conflitti e le dispute all'interno della scuola, nella convinzione che essi siano parte inevitabile del vivere sociale e delle relazioni fra individui e che la ricerca di strumenti risolutivi delle situazioni di crisi possa considerarsi "educativa" al pari di altre materie di insegnamento. 
  • Educazione alla legalità: l'educazione degli adolescenti alle regole sociali e la diffusione di una cultura della legalità è un'esigenza sempre più sentita. I progetti tendono a diffondere la conoscenza dei diversi tipi di regole vigenti nella nostra società,  delle differenti sanzioni ad esse collegate nonché dei sistemi tesi a garantirne l'effettività.
  • Prevenzione dei comportamenti a rischio fra adolescenti: progetti di intervento nelle scuole orientati al lavoro di  riflessione – insieme agli  adolescenti – sui comportamenti rischiosi (nei confronti della salute, della trasgressività etc.) focalizzando l'attenzione sul  rapporto fra adolescenza ed atteggiamenti di sfida ai pericoli.
  • Prevenzione del bullismo: interventi nel contesto scolastico volti a prevenire e contrastare  comportamenti prepotenti, molesti, aggressivi o devianti perpetrati con continuità da ragazzi nei confronti di compagni più piccoli o più deboli.
  • Campagne informative: progetti riguardanti la realizzazione e la gestione di campagne preventive e  informative a  tutela dei cittadini  attraverso pubblicazioni semplici, complete e tempestive.